Il mare e un panino fuori dagli schemi

Continua il mio tour favignanese con un’altra tappa che vi consiglio di fare.
Cala Rossa, con la sua caratteristica costa frastagliata dove un tempo si traovavano delle cave di tufo, in cui si ricavavano i mattoni per le case tipiche del luogo, i Dammusi. Dall’immagine non si può che notare il mare cristallino, dove è un piacere fare dello snorkeling per i tanti pesci presenti. Il relax è assicurato!
IMG_6767
Dopo una giornata passata tra le onde e sotto il sole a chiunque verrebbe fame. Bene… Sulla strada che vi porta verso la spiaggia toverete le indicazioni per un paninaro. Questo omone, ecclettico, con una tenda di fortuna e un Apecar allestisce un mini-bar con tanto di musica sicula e wifi per i suoi clienti. IMG_6768  Il menù è molto ristretto ma sicuramente sostanzioso creato da un solo tipo di panino, quello più famoso in tutta la Sicilia, il “pane cunzato”. Un panino fatto sul momento con pomodori, acciughe, capperi, basilico e olio in abbondanza.

IMG_6770

Tanto grosso quanto buono! Mi dispiace soltanto non averci abbinato un buon vino bianco e fresco, tipo il “Grillo” che mi ha accompagnato per tutta la vacanza.

Annunci

Cena a base di tonno al bar Cavallo a Favignana

Durante le Vacanze a Favignana dovete passare a fare una visita allo stabilimento Florio una ex tonnara ora diventata museo. All interno una visita guidata ti fa capire quanto il tonno fosse importante per questa isola, ormai rimasta una tradizione solo nei piatti dei favignanesi. In onore di questa gita nel passato di Favignana abbiamo cercato un ristorante che facesse del buon tonno e con mio personale stupore ci siamo imbattuti in un bar, che fa anche da ristorante. Un po’ spartano con tavoli e sedie di plastica, ma con un servizio molto curato e lo staff presente in ogni tua richiesta. Ora passiamo alla parte per me più interessante, la cena. Abbiamo iniziato con un antipasto, carpaccio di tonno con pistacchio.

Come primo, Norma di tonno.

Come secondo, tagliata di tonno con salsa di pistacchi.

Tutto accompagnato da un buon vino. Un abbinamento consigliato dal cameriere. Vino dalla bassa gradazione, non invadente, con una buona mineralitá e con un colore brillante tendente al dorato.

E dolce tradizionale, cannolo con passito di pantelleria.

Che dire… siamo rimasti più che soddisfatti! Tonno morbido e delicato in tutti i piatti, la tagliata sembrava carne. In poche parole andateci e non ve ne pentirete! Vi lascio qui sotto il link per vedere un po’ di recensioni e immagini che vi faranno venire sicuramente l’acquolina in bocca.

Bar Cavallo Tripadvisor

Vino a bassa gradazione alcolica: conosciamo 9.9 di Alessia Berlusconi

Molto interessante.. Soprattutto per chi vuole bere qualcosa senza accopagnarlo per forza con dei piatti!

BreathTrip - Portale di Viaggi, Lifestyle ed Eventi

Sapevate che esiste il vino a bassa gradazione alcolica? Sono sincera: io non sapevo affatto che potesse esistere (ma io non faccio testo, non solo assolutamente esperta di vini) ma grazie ad Alessia Berlusconi, vignaiola che ha avuto l’intuizione di puntare su un prodotto che ha la sua fetta di mercato, ho potuto fare la conoscenza di 9punto9.

View original post 423 altre parole

Weekend tra Bari e Polignano a Mare

IN A WINE MOOD

Bari“Se Parigi avesse lu mere, sarebbe una piccola Beri” recita un famoso detto sulla città. Si riferirà anche alla cucina? Non lo so, ma so per certo che in quanto a sapore e ricchezza, quella barese non ha nulla da invidiare a nessuno. E allora facciamocela raccontare da Valeria, barese DOC, che ci guida attraverso i posti da non perdere di Bari e di Polignano a Mare, delizioso borgo a soli 35 km dal capoluogo pugliese dove trascorrere una piacevole giornata.

VENERDÌ
CENA
Appena arrivati, concedetevi un giro tra le stradine di Barivecchia dove potete immergervi nella tipicità della gastronomia barese con tante proposte di street food, oggi tanto di moda un po’ in tutto il mondo, ma che a Bari è tradizione da sempre.
Prima tappa Panificio Fiore (Strada Palazzo di Città, 38) per la focaccia barese, poi Marì La’Nzvos (sul lungomare di fronte al Castello) per le

View original post 484 altre parole